Ibisco: storia e curiosità

L’ Ibisco, originario dell’Asia e delle isole del Pacifico, in Europa è conosciuto soltanto dal ‘700, con nomi diversi: “fiore di un’ ora”, “acetosa di Guinea”, “rosa della Cina”.

Il significato che gli viene attribuito in Europa è quello di bellezza delicata, in quanto ogni fiore manifesta il suo splendore soltanto per poche ore:

in geniere si apre al mattino per sfiorire e cadere giù nel tardo pomeriggio.

Alle Hawai l’Ibisco è molto importante, tanto da essere simbolo dello Stato, e si usa donarlo ai visitatori in segno di benvenuto.

A seconda di come viene indossato,

l’ Ibisco mostra lo status della donna: tra i capelli dietro l’orecchio sinistro, se single;

dietro il destro, se impegnate; dietro entrambe le orecchie se, nonostante abbiamo una relazione sono in cerca di altro.

Con i fiori di Ibisco si produce una sorta di tè, il karkadè.

Ha inoltre proprietà medicamentose: era usato come rimedio per la febbre e per il mal di testa, come collirio, espettorante, per prevenire la caduta e l’imbiancamento dei capelli, per regolare il ciclo mestruale.

6 commenti su “Ibisco: storia e curiosità

  1. Pingback: try this site
  2. Pingback: visit this site
  3. Pingback: Ks Quik

I commenti sono chiusi.

Torna su